Missa in scena. Riflessioni teatrali sulla liturgia

E’ uscito il nuovo libro del nostro socio Luigi Martinelli.

fronteMissainscena

Missa in scena. Riflessioni teatrali sulla liturgia.

Cavinato Editore International

Brescia, 2017

La prefazione è curata dal prof. Roberto Tagliaferri, liturgista e docente di Teologia presso l’Istituto di Liturgia Pastorale Santa Giustina (Padova).

Dalla quarta di copertina:

Come superare la crisi liturgica contemporanea che ha imbrigliato la liturgia cattolica nel verbalismo, nella sovraesposizione fonetica e nel creativismo? L’autore attraverso una comparazione efficace con il mondo del teatro e dello spettacolo intende suggerire alla liturgia proposte di cambiamento e di riforma. Ovviamente la liturgia, guardando alla propria storia e alla propria tradizione, può trovare autonomamente le risorse per riformarsi, tuttavia un confronto con il mondo del teatro, che ha un retroterra rituale, può stimolare riflessioni ed analisi, interessanti e inaspettate, nella prospettiva di un miglioramento della situazione liturgica attuale.

Sinossi:

Il nuovo libro di Luigi Martinelli è il naturale completamento del suo precedente saggio “Le forme del sacro. La performance nel rito romano” (Cavinato Editore International, Brescia, 2015)

Missa in scena. Riflessioni teatrali sulla liturgia, è un libro utile come strumento della cosiddetta “riforma della riforma” della liturgia cattolica. Un libro che affronta in modo critico la struttura e la prassi celebrativa della liturgia eucaristica celebrata secondo la forma ordinaria del rito romano. Un libro che indaga il problema liturgico da un punto di vista insolito: quello del teatro.

La Messa è uno spettacolo? Certamente no. Tuttavia la liturgia, in quanto rito, intrattiene forti relazioni con il teatro poiché anch’esso trae origine dal rito e mantiene al suo interno forme e meccanismi rituali. Dunque attraverso una comparazione tra la liturgia e il teatro si intendono portare allo scoperto le contraddizioni performative della liturgia postconciliare e, nello stesso tempo, si vogliono anche offrire anche delle soluzioni.

Ossia? Trasformare la Messa in uno show? Assolutamente no, secondo l’autore la liturgia moderna è già troppo spettacolarizzata. La via d’uscita alla crisi liturgica dei nostri tempi è tutta ratzingeriana, infatti l’autore propone come soluzione preferenziale un ritorno della tradizione nella liturgia che non si significa cadere nel tradizionalismo, ma affidarsi a quel patrimonio di gesti e di simboli che la storia della liturgia ci ha affidato nel corso dei secoli per comunicare in maniera efficace la grazia salvifica di Dio che agisce nei sacramenti.

Nella liturgia tradizionale, soprattutto in quella celebrata secondo la forma straordinaria del rito romano, ci sono degli elementi archetipi capaci di funzionare in ogni tempo, anche oggi, e portare efficacemente l’uomo contemporaneo a contatto con il sacro, quel sacro che anche ai nostri giorni l’uomo cerca disperatamente in tutti i modi, anche al di fuori dal contesto religioso, ma che le forme liturgiche moderne della Catholica, erose dal razionalismo, non sono più in grado di dispensare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...